Primogenito “cocco” di mamma? Ecco cosa dice la scienza

Il primogenito può essere davvero considerato il “cocco” di mamma? In verità studi scientifici hanno dimostrato che potrebbe non essere così. Il rapporto madre-figli cambia e si evolve nel tempo, cambia anche il modo in cui la madre si relazione e questo lascia nei figli conseguenze che faranno parte del loro bagaglio per tutta la vita.

Il comportamento dei genitori con i figli

Nessun genitore direbbe mai di preferire un figlio piuttosto che un altro. Non si può ammettere una cosa del genere anche qualora fosse vera perché questo avrebbe conseguenze sugli altri figli che potrebbero sentirsi messi in disparte.

Ma una volta appurato questo, nei fatti, le mamme poi allevano tutti i figli allo stesso modo? Questa domanda è stata indagata in lungo e in largo dalla scienza. E alcuni nuovi studi hanno provato a dare una risposta più chiara  per capire meglio i modelli di comportamento delle mamme.

A quanto pare le mamme non si comportano affatto allo stesso modo con tutti i figli, questo è quanto hanno stabilito gli autori dello studio uscito sulla rivista Social Development.

rapporto madre e figlio

Come si comportano le mamme con il primogenito?

Lo studio ha chiarito un aspetto fondamentale: sembra sia innegabile che il comportamento delle mamme specialmente con il primo figlio accusa una maggiore ansietà. Qui gioca un ruolo fondamentale la percezione di non avere abbastanza esperienza su come si crescono ed educano i figli.

Per questo si assiste a bambini che vengono pesati in continuazione, alimentati con mille premure e ricoperti di accessori di ultima generazione. I primogeniti vivono in una sorta di campana di vetro, fatta di passeggini super accessoriati, giocattoli sempre nuovi e vestiti per ogni occasione.

Tutt’altro discorso è quello che vede protagonisti i secondogeniti. Il secondo figlio sarebbe invece “vittima” di passeggini e giocattoli usati e con pezzi mancanti. A prescindere da queste “mancanze materiali” sarebbe soprattutto la mancanza di attenzioni della madre ad incidere. Secondo la ricerca le mamme giocano molto di più col primo figlio che non con il secondo.

“Cocco di Mamma” quali le conseguenze?

Questi atteggiamenti non sarebbero privi di conseguenze. Sembra che i primogeniti siano meno socievoli rispetto ai secondi e che questi ultimi siano davvero più aperti all’interazione con gli estranei. I primi nati invece si rivelano carenti nelle interazioni con altri bambini anche perché disinteressati tanto abbondano di attenzioni da parte della madre.

Lo studio dell’Istituto Nazionale per la salute e lo sviluppo del bambino (NICHD) per riportare questi risultati ha analizzato 55 madri nei loro comportamenti quotidiani. Il materiale di studio sono stati filmati e test in cui me mamme interagivano prima con il primogenito alle’età di 20 mesi. Poi con il secondo figlio alla medesima età sono stati effettuati gli stessi test.

Dai risultati si evince però anche un altra cosa: il comportamento materno che sembra in qualche modo favorire il primogenito, non è qualcosa di premeditato o voluto, ma è semplicemente inconscio. Si tratta di qualcosa di relativo al semplice approccio, una conseguenza anche del tempo a disposizione.

Restano comunque notevoli le conseguenze sul lungo termine. I secondogeniti ne uscirebbero avvantaggiati da un punto di vista sociale, mentre i primogeniti si rivelano più disponibili verso le madri da un punto di vista emotivo rispetto ai fratelli minori.

Tagli di capelli lunghi per donna: quali quelli giusti per la forma del viso?

Vuoi cambiare taglio di capelli facendoti crescere i capelli lunghi, ma non sai quale sarebbe il modo migliore per te di portarli? Visto che questi sono dubbi che attanagliano molte donne, qui abbiamo deciso di offrire consigli sui tagli più adatti per ciascuna forma del viso, proprio come fanno le star e le attrici più importanti.

Tutte le donne sanno quanta differenza possa fare un taglio di capelli differente in abbinamento alla forma del proprio viso. A cambiare è innanzitutto la percezione e quello che si comunica agli altri, per questo la scelta del taglio non devi assolutamente sottovalutarla. I capelli sono quell’aureola che accompagna ogni donna dovunque vada e incorniciano il posto dove cadono le attenzioni degli osservatori: ovvero il proprio viso.

tagli di capelli lunghi donne

Il potere ringiovanente dei capelli

Niente come i capelli ha il potere di ringiovanire e ridare vivacità al viso. I capelli sono uno strumento importante di seduzione che è in grado di attirare profondamente l’interesse dell’uomo il che non guasta mai, vero? In realtà non c’è un taglio per eccellenza che venga preferito dall’altro sesso, tutto si riduce a una questione di relazione tra il viso, la personalità e il taglio e colore dei capelli. Tutti aspetti che variano da donna  a donna.

I capelli lunghi, a prescindere da quanto affermato, hanno un fascino particolare che non va mai perduto, anche se le tendenze della moda negli ultimi anni hanno visto trionfare i tagli medi e corti anche a causa del fatto che offrono un certo vantaggio dal punto di vista pratico. Nonostante ciò i capelli lunghi offrono infinite possibilità di acconciature e tagli che lasciano spazio alla fantasia e a diverse espressioni di se. Per questo non vanno sottovalutati i loro lati pratici.

Se ti trovi a scegliere un taglio il fattore più rilevante che devi tenere in considerazione è la forma del viso. Qui la partita si gioca su sottili equilibri, armonie, compensazioni e contrasti. Per tutte le donne che non hanno ancora chiarito che forma di viso hanno, il prosieguo di questa pagina è l’ideale per farsi un’idea.

Individuare la forma del viso è un passo fondamentale per capire cosa va nascosto e cosa va valorizzato. I capelli medio lunghi o lunghi funzionano bene con ogni tipo di viso, ma devono esserci sempre degli accorgimenti specifici per ognuno. Cerchiamo di capire quali.

Viso ovale? Meglio un taglio lungo

Un’attrice come Liv Tyler rappresenta uno dei più classici visi ovali e può permettersi davvero molti tipi di tagli diversi grazie al fatto che è caratterizzato da grande regolarità e perfezione dei contorni, a quel punto non è più necessario coprirlo con una frangio o ciuffi.

La sua caratteristica più bella è proprio la possibilità di farlo percepire nella sua interezza con quei lineamenti così interessanti. Le donna con un viso ovale e tratti somatici simmetrici possono optare per una riga centrale e un lungo leggermente ondulato o liscio. Le donne con asimmetrie evidente farebbero meglio ad optare per la riga laterale che fa in modo che il ciuffo ricada sul lato opposto dell’asimmetria.

Questi sono tutti escamotage che aiutano a levigare le asimmetrie e armonizzare il volto.

Liv-Tyler taglio di capelli lunghi

Le donne con viso squadrato possono scegliere taglio lungo

Angelina Jolie per quanto sia bellissima è un attrice con un evidente profilo del volto squadrato. Per le donne con questa tipologia di viso l’obiettivo deve essere quello di addolcire i tratti e riequilibrare i lineamenti. La lunghezza dei capelli può essere media e lo styling va mantenuto morbido.

angelina jolie taglio di capelli medio

Per il viso rotondo che taglio si consiglia?

Questo è invece il caso di Emma Stone alla quale i tagli lunghi si adattano benissimo. Il consiglio è quello di un taglio tipo caschetto pieno o corto che permetta di far percepire il viso come perfettamente rotondeggiante. Il taglio medio lungo ha anch’esso i suoi vantaggi se portato con la riga laterale o centrale grazie al fatto che permette di rendere il viso più lungo e asciutto. Buona idea è tenere sempre un po’ di volume in cima alla testa per un effetto slancio.

emma-stone taglio di capelli lunghi

Anna Karenina, dal libro al film: scopriamo la trama

Molto spesso i film sono la trasposizione cinematografica di libri scritti precedentemente. Solitamente i libri che più di tutti ispirano la messa in produzione di un film sono i classici senza tempo della letteratura. Le trasposizioni cinematografiche di libri di ultima uscita, spesso, non hanno la stessa cura messa nelle trasposizioni dei grandi classici perché seguono l’onda del momentaneo successo. Nel caso dei grandi classici, inoltre, spesso nel tempo vengono fatte diverse trasposizioni più o meno fedeli al libro.Maggiori informazioni

Aforismi junghiani: perché la psicanalisi è di tutti

Molto spesso ci capita di girare per la rete quasi a casaccio senza far caso a cosa stiamo leggendo. Soprattutto nel mondo dei social è molto facile scorrere le bacheche per osservare cosa fa questo o quello senza però davvero dare peso alle parole che vengono scritte. Talvolta, però, anche quando non ci interessa magari la persona o quello che dice realmente e siamo distratti, qualche frase cattura la nostra attenzione.Maggiori informazioni

Stanchezza mentale: perché partire è la soluzione

Molto spesso quando si parla o si pensa al benessere, ci si riferisce fondamentalmente a qualcosa di fisico. Il benessere viene molto spesso inteso come stanchezza fisica a cui si deve far fronte e che deve essere curata con il riposo o la ginnastica. La ginnastica e magari i trattamenti vengono proprio visti come la chiave che permetterà l’accesso a quel ritrovato benessere fisico andato perso.Maggiori informazioni

Il riso: il piatto principe per tutte le stagioni

Nonostante mangiare sia sempre e comunque una delle necessità e dei piaceri fondamentali per l’uomo, non tutti i cibi sono adatti per tutte le occasioni. In particolar modo, quello che cambia in modo decisamente sostanziale è la stagione. Seppur ognuno sia libero di cucinare ciò che vuole durante tutto l’arco dell’anno, è innegabile che alcuni cibi siano prettamente stagionali.Maggiori informazioni