Transaminasi alte in gravidanza

Transaminase alte in gravidanza: cosa mangiare per cercare di abbassarle?

Quello delle transaminasi alte è tra i problemi più ricorrenti nel periodo della gravidanza. Le transaminasi, definite anche aminotransferasi, sono dei particolari enzimi. Il loro ruolo è molto importante: esse, infatti, svolgono contribuiscono alla sintesi del glucosio e sono impegnate nel metabolismo degli aminoacidi. Valori alti delle transaminasi generano molta preoccupazione. In genere, infatti, sono indice di problemi a carico del fegato o del cuore. Durante il periodo di gestazione si assiste spesso a un incremento temporaneo delle transaminasi. In questo caso, la cosa migliore è provare a regolarizzare i valori con la dieta, ossia adottando uno stile alimentare sano.

Leggi tutto
lividi sulle gambe

Lividi sulle gambe: cause e rimedi naturali

Un livido è un ematoma che può manifestarsi in diverse zone del corpo, tra cui le gambe. Chiamato scientificamente con il termine ecchimosi, è in genere causato da un trauma o un urto. Diversi sono i casi in cui, però, la presenza di lividi non riesce a trovare un riscontro oggettivo. In tal caso, è opportuno rivolgersi al proprio medico e sottoporsi a esami specifici per valutare la presenza di qualche problema più serio.Leggi tutto

leucorrea gravidica

Leucorrea gravidica: sintomi, cause, rischi e trattamenti

La leucorrea gravidica è un disturbo molto frequente in gravidanza. La comparsa di questo disturbo si manifesta con delle perdite vaginali, che possono spaventare la gestante. Sebbene, le secrezioni siano in genere biancastre, talvolta, le perdite da leucorrea gravidica possono essere trasparenti.La loro consistenza è liquida e possono manifestarsi con una frequenza più o meno intensa. Le perdite da leucorrea gravidica non generano cattivi odori, ma possono determinare lo stesso una condizione di forte disagio nella gestante.

Le perdite da leucorrea sono generate dalla cervice, la parte inferiore dell’utero. La leucorrea può manifestarsi in qualsiasi donna e in qualsiasi periodo della vita. L’espressione “leucorrea gravidica” sottolinea, invece, la comparsa di questa particolare condizione durante il periodo della gestazione. La leucorrea gravidica è, infatti, causata dai cambiamenti ormonali, che investono la donna durante tutto il periodo della gravidanza. Le perdite da leucorrea gravidica possono presentarsi in consistenza variabile, ma sono ben diverse da quelle causate dalle infezioni vaginali.Leggi tutto

Prodotti erboristici: il successo degli estratti a ultrasuoni

Sono sempre più ricercati i prodotti erboristici come rimedi naturali per problematiche diverse. Infatti, a differenza di alcuni composti chimici, essi risultano maggiormente tollerati anche da chi presenti allergie o intolleranze alimentari. Per questo sono nati svariati e-commerce specializzati: l’erboristeria fitosofia è una delle realtà più radicate nel settore che presenta un’importante peculiarità. Normalmente, infatti, l’estrazione dei principi attivi delle piante avviene con una base alcoolica o comunque liquida, in procedimenti che fanno perdere la maggior parte delle proprietà organolettiche per via del calore impiegato: non solo, quindi, il prodotto finale risulta molto diluito ma spesso non è adatto ai bambini o comunque a chi non tolleri l’alcool. Fitosofia, invece, procede con un’estrazione a freddo, quindi sfruttando il potere degli ultrasuoni per avere un prodotto più concentrato possibile e con una quantità di eccipienti prossima allo zero. Nessun prodotto, inoltre, viene testato sugli animali.

La ricerca delle piante selvatiche o provenienti da coltivazioni biologiche (quindi prive di OGM e altri prodotti nocivi) nasce dall’esperienza e dall’amore per la natura di personale esperto e dedito a ricercare solo le migliori, oltre che rigorosamente italiane. Questa è un’ulteriore garanzia che si affianca alla lavorazione attenta dei preparati, quindi il loro successo deriva semplicemente dalla qualità portata sempre ai massimi livelli possibili.

In quest’ottica è possibile acquistare, ad esempio, preparati detox dove gli ingredienti principali sono davvero quelli dedicati alla depurazione: il carciofo, il tarassaco, l’ananas e i chiodi di garofano faranno il loro dovere garantendo persino un sapore tipico al prodotto, dove sarà stato integrato al massimo un aroma agrumato (ovviamente naturale).

Tra gli estratti a ultrasuoni più cliccati, poi, ci sono quelli a base di vitamina C, alleata fondamentale del sistema immunitario. La lavorazione a freddo, in questo caso, garantisce la presenza di tutte le sostanze attive presenti nei frutti, oltre alla vitamina stessa: i flavonoidi in primis, prodotti secondari del metabolismo vegetale che agiscono come antiossidanti e antinfiammatori. Gli antociani, presenti in special modo nei vegetali dal colore bluastro, intervengono a loro volta contro gli effetti dell’invecchiamento e anche contro la ritenzione idrica, mentre i carotenoidi sono precursori della vitamina A, e sono protettori della pelle e del sistema immunitario.

Lo stress e l’insonnia sono altri due fattori moderni che inducono, sempre più spesso, le persone ad affidarsi ai metodi naturali. I migliori preparati contengono estratti a ultrasuoni di melissa, che agisce anche su cefalee e disturbi digestivi, passiflora, che limita i risvegli notturni, valeriana, sedativa e miorilassante, griffonia, che migliora gli stati d’ansia.

Altro estratto a freddo molto versatile è il Lapacho, un sempreverde che per le sue svariate proprietà viene anche denominato Albero della Vita. Rimane, quindi, fondamentale preservarne ogni singolo principio organolettico che lenisce da stati prolungati di intolleranza alimentare o allergia, disordini della flora intestinale, infezioni funginee e tutto ciò che risulta indebolito a causa di un sistema immunitario non al massimo della sua efficienza.

Per i problemi digestivi, il reflusso gastroesofageo e la spiacevole sensazione di gonfiore addominale, sono invece eccellenti i prodotti a base di fiori di camomilla, genziana, assenzio e zenzero. Lenitivi, antibatterici e antinfiammatori, questi organismi vegetali rappresentano il mix perfetto e assolutamente naturale da impiegare in questi casi.

L’estrazione a ultrasuoni rappresenta, quindi, la nuova frontiera dell’erboristeria moderna e riporta alle sane origini la metodologia di utilizzo delle migliori piante presenti in natura. Il rispetto dell’ecosistema, quindi, è reciproco perché l’utente può usufruire di un prodotto di vera qualità, mentre nulla viene sprecato grazie allo sfruttamento bilanciato di ogni parte edibile.

curva glicemica

Curva glicemica in gravidanza: di che cosa si tratta? Come si calcola?

La curva glicemica o GCT è uno degli esami più importanti da eseguire durante la gravidanza. Il test segue modalità precise e serve a escludere la presenza del diabete gestazionale, una condizione patologica che se non tenuta sotto controllo, può compromettere la salute della madre e del feto. Il diabete gestazionale è, infatti, una patologia che si presenta molto più spesso di quanto si possa pensare, finendo per coinvolgere circa il 20% delle gestanti. A differenza di altri test eseguiti per il controllo della glicemia, la curva glicemica non richiede un un periodo di digiuno. La curva glicemica è un esame necessario a valutare la glicemia, ossia la presenza di zuccheri nel sangue. Alcuni accorgimenti alimentari possono aiutare la gestante a tenere il problema sotto controllo, col fine di evitare dei rischi per sé stessa e il proprio bambino.Leggi tutto

scollamento mebrane

Scollamento membrane: cos’è? Quali sono i rischi?

Lo scollamento delle membrane è una pratica medica messa in atto per agevolare il travaglio, nel caso in cui il momento del parto tardi ad arrivare. La procedura è, quindi, praticata dal ginecologo che deve valutare se sono presenti condizioni favorevoli per eseguire con successo questa manovra. Lo scollamento delle membrane è, infatti, una procedura necessaria in alcuni casi, praticata soprattutto per indurre o agevolare il momento del parto.

Si pratica solo in casi eccezionali, in quanto è un’operazione che può comportare dei rischi e non sempre riesce a determinare un reale travaglio. Lo scollamento delle membrane amnio-coriali serve a determinare l’abbassamento del sacco amniotico e quindi, la sua conseguente rottura. La procedura è molto delicata e prevede l’intervento del ginecologo, che saprà come rendere la pratica sicura.Leggi tutto

Vista neonato

Vista neonati: che cosa vede un bambino appena nato?

La vista dei neonati è un argomento molto interessante, spesso al centro di diversi dibattiti e opinioni. In effetti, conoscere con esattezza come funziona la vista nel neonato, permette di comprendere il modo in cui interagisce con il mondo circostante. Sono soprattutto i genitori, infatti, a rivolgere continue domande ai pediatri, sulle reali percezioni dei più piccoli. Lo sviluppo della vista nei neonati segue diverse fasi: in ognuna il neonato sperimenta in modo diverso l’ambiente circostante. Infatti, nelle prime settimane di vita, il cervello non coglie il senso globale delle cose. Di fatto, quindi, un neonato vede, ma non riesce a comprendere cosa.

La vista del neonato impiega circa otto mesi per svilupparsi al meglio, ossia per cogliere diversi aspetti dell’immagine che percepisce. E’ dimostrato, infatti, che il neonato inizia a manifestare la propria sensibilità alla luce già dopo il settimo mese di gestazione, riuscendo a notare persino quella riflessa sull’addome materno. Nelle settimane successive al parto, il neonato inizia pian piano ad acquisire una vista migliore e a riconoscere in modo distinto e chiaro le immagini.Leggi tutto

stitichezza neonati

Stitichezza neonati: sintomi, cause e rimedi

La stitichezza è uno dei problemi più ricorrenti nei neonati, una condizione davvero fastidiosa, mal sopportata persino dagli adulti. La stitichezza è un problema serio per i più piccoli: rendendo le feci dure, costringe il piccolo a praticare un grosso sforzo durante la defecazione. Per combattere la stitichezza nei neonati, bisogna comprenderne la causa o le cause scatenanti.

I primi sintomi di stitichezza nel neonato si presentano intorno i tre mesi di vita, con la comparsa dei primi episodi di stipsi,con conseguente arresto delle scariche. Questa condizione è meno probabile in bambini che sono nutriti con il latte materno. La stitichezza è una disfunzione che si verifica in presenza di determinate condizioni e può essere contrastata con i giusti trattamenti.Leggi tutto

Pancere post parto

Pancera post parto: perché usarla? Tipologie e prezzi

Molte donne si chiedono perché utilizzare una pancera post parto. La gravidanza è un momento bellissimo ma anche molto delicato per una donna. Assistere ai cambiamenti del proprio corpo non sempre è facile da gestire. Se da un lato, la nascita di un bambino è un dono per cui gioire, può quindi accadere che una donna viva dopo la gravidanza un momento di difficoltà in relazione al proprio aspetto fisico. Per questo, uno dei pensieri principali delle neomamme è ritrovare la perduta forma fisica.

Ogni donna dovrebbe vivere il post parto in modo sereno e accettarsi il più possibile nel nuovo corpo. Infatti, la forma fisica può essere riacquistata con appositi accorgimenti e i segni del mutamento hanno permesso di generare una nuova vita, trasformandosi quindi in segni d’amore. Accettarsi non vuol dire però rassegnarsi. Qualsiasi donna ha il diritto di sentirsi a proprio agio con il proprio corpo, soprattutto in questo speciale e particolare momento. Oltre a una sana alimentazione e un po’ di attività fisica, potrebbe essere utile indossare per un tempo limitato delle pancere post parto, che non a caso sono tra gli accorgimenti più utilizzati dalle neomamme.Leggi tutto