infiammazione

Alimentazione antinfiammatoria: quali sono i cibi migliore per combattere le infiammazioni?

Quando parliamo di infiammazioni, parliamo di una reazione messa in atto dal nostro organismo per difendersi da diversi fattori, tra cui patogeni esterni che lo aggrediscono, ferite o traumi. Altre cause all’origine delle infiammazioni sono alcune allergie e le malattie autoimmuni. Una buona dieta può aiutare a prevenire e contrastare i sintomi delle infiammazioni, per questa ragione è molto importante prestare attenzione a cosa mangiamo.

Dieta antinfiammatoria: quali alimenti preferire

Sebbene sia molto importante stabilire la causa alla base di un’infiammazione, in linea di massima esiste un rimedio efficace per contrastarne i sintomi, senza ricorrere necessariamente all’impiego di una terapia farmacologica, soprattutto se le infiammazioni sono di lieve entità e non presentano particolari origini. Per determinare la natura di un’infiammazione è opportuno rivolgersi al medico curante, che saprà consigliare specifici esami per collocare l’eziologia del problema in uno specifico quadro clinico.

Un modo valido per fronteggiare le problematiche relative all’infiammazione o sconfiggerla, è quello di prestare molta attenzione ai cibi di cui ci nutriamo. L’alimentazione è, infatti, fondamentale per combattere le infiammazioni del corpo, grazie al consumo di alimenti che possono fare davvero una differenza nel trattamento dei diversi disturbi ad essa associati. Tra i migliori cibi così definiti “antinfiammatori”, ossia capaci di contrastare gli effetti di un’infiammazione dell’organismo, ci sono:

  • Frutta
  • Verdure
  • Farina integrale
  • Carne magra
  • Avocado
  • Noci
  • Arachidi
  • Zenzero
  • Curcuma
  • Cannella
  • Tè verde
  • Riso
  • Semi di lino
  • Aglio
  • Cipolla

Infiammazione: conclusioni generali

Quando si parla di infiammazione, quindi, s’intende un meccanismo di difesa che il corpo umano tende a sviluppare per proteggersi da malattie, allergie, traumi, infezioni e ferite. In virtù di queste diverse ragioni, non è difficile riscontrare un’infiammazione in determinati periodi di vita, che ci costringe ad affrontare diverse tipologie di dolore, che non possiamo lasciare inosservate.

Per contrastare in modo efficace un’infiammazione corporea, si possono prendere degli antinfiammatori sintetici, ossia dei farmaci volti a ridurne i sintomi e a migliorare la condizione di salute del paziente. Un trattamento mirato alla cura dell’infiammazione deve agire però a 360°, mediante l’assunzione di un consapevole stile di vita, che punti soprattutto su un’alimentazione sana.

Gli alimenti che consumiamo ogni giorno possono, infatti migliorare o peggiorare l’infiammazione, per cui devono essere scelti con molta cura. Le verdure e la frutta sono solo alcuni tra i cibi antinfiammatori più consumati. Molto importante è anche il consumo dell’olio extravergine di oliva, così come quello di lino, che contribuiscono a diminuire il dolore legato all’infiammazione, grazie alla presenza di polifenoli che si prendono cura dell’organismo, combattendo i radicali liberi.

Scegliere consapevolmente gli alimenti da portare a tavola, significa quindi prendersi cura della propria salute, non solo se si soffre di un’infiammazione determinata da traumi, ferite o particolari patologie, ma anche come vera e propria prevenzione per aiutare l’organismo a stare meglio e alla persona colpita dai sintomi, di godere di uno stile di vita migliore e più naturale.

Curare le infiammazioni in tempo è molto importante. Infatti, se non prese velocemente molte possono trasformarsi in croniche, finendo per modificare la vita del soggetto.

Puoi leggere anche: