biochetasi compresse masticabili

Biochetasi: a cosa serve e come usarlo

Che cos’è Biochetasi? Come si usa e quali disturbi tratta? Biochetasi è un farmaco che può essere molto utile, in quanto è in grado di trattare i disturbi allo stomaco come:

  • Vomito
  • Insufficienza epatica
  • Iperacidità Gastrica
  • Cattiva digestione

Di seguito ti spieghiamo molto di più su Biochetasi e su come ti aiuti a ritrovare il benessere.

Biochetasi a cosa serve?

Biochetasi non è un farmaco da usare su propria iniziativa, infatti bisogna sempre chiedere la prescrizione medica. Nonostante ciò è possibile acquistare Biochetasi senza ricetta per curare fastidi e vari tipi di manifestazioni anomale a livello intestinale.

biochetasi compresse masticabili

Biochetasi ti aiuta a risolvere disturbi fastidiosi come l’iperacidità di stomaco che può essere causa di reflusso esofageo. Poi aiuta per l’insufficienza epatica, la digestione lenta e anche la nausea dovuta a virus o simili.

La Biochetasi può essere usata anche contro il vomito causato dagli effetti collaterali della terapia chemioterapica. Molto indicato anche nel caso di diarrea.

In farmacia e nelle parafarmacie si può acquistare nel formato bustina. Il contenuto è granulato e solubile in mezzo bicchiere d’acqua.

Esistono però anche altri formati come:

  • Compresse effervescenti
  • Compresse masticabili
  • Supposte

Ricordati però di scegliere il formato in funzione del disturbo che ti affligge. Il formato, infatti, influenza l’assunzione del farmaco e può rispondere a varie esigenze per fare in modo che la dose assunta non venga eliminata prima di agire.

Ad esempio per la nausea e per il vomito è molto meglio prendere la Biochetasi in supposte in tal modo il suo contenuto non andrà eliminato troppo presto e potrà avere l’effetto desiderato.

Invece nel caso di diarrea è consigliato di ingerire le bustine e le compresse perché così il farmaco può agire a monte del processo di digestione e normalizza il transito intestinale.

Avantgarde è il nome della casa farmaceutica che produce Biochetasi, farmaco molto comune che è usato per curare disturbi di vario genere in tutte le fasce d’età.

Come è composta Biochetasi

L’azione di Biochetasi è dovuta alla presenza di alcuni principi attivi, per questo può essere definito un policomposto che concorre a normalizzare i valori di potassio intracellulare.

Il suo scopo è anche quello di andare a integrare alcune sostanze come gli enzimi e i coenzimi per facilitare il processo digestivo e riportarlo alla sua naturale regolarità.

Di cosa si compone Biochetasi? Potassio e sodio citrato sono gli ingredienti principali poi abbiamo la riboflavina 5-monofosfato monopodico, difosfato estere libero, acido citrico e vitamina B6 cloridrato.

Sebbene molte persone associno l’azione di Biochetasi principalmente alla nausea e al vomito, la sua azione è efficace anche in molti altri casi di impiego.

Come si usa Biochetasi?

Parliamo ora della posologia del farmaco al fine di avere la massima efficacia a seconda dei casi di utilizzo.

Biochetasi è in farmaco efficace anche nei bambini e da essi può essere assunto tranquillamente, anche dai neonati. Anche le donne incinte possono assumerlo, anche in fase di allattamento.

Prima di prendere Biochetasi, però, è buona norma rivolgersi al proprio medico, anche perché egli è l’unico che può offrire i dettagli giusti riguardo alla posologia.

In linea di massima se si intende eliminare i disturbi che abbiamo elencato poco prima di devono assumere 2 bustine o 2 compresse effervescenti per 3 volte al giorno, negli adulti.

Se queste sono le indicazioni per i dosaggi generali, come abbiamo detto è sempre meglio rivolgersi al proprio medico per i dettagli della posologia.

Il medico infatti terrà in considerazione anche l’altezza e il peso del soggetto. Il dosaggio nel caso dei bambini verrà generalmente dimezzato.

Inoltre la classica raccomandazione di assumere i farmaci a stomaco pieno, nel caso di Biochetasi non riveste un’importanza così grande, infatti si può prendere anche lontano dai pasti senza particolari problemi.

Nel caso in cui i sintomi non passino entro 2 o 3 giorni, sarà necessario rivolgersi subito di nuovo al medico curante per accertarsi che la terapia sia quella giusta o che non sia il caso di rivolgersi a uno specialista.

Controindicazioni ed effetti collaterali del farmaco

Biochetasi può causare reazioni avverse, quindi meglio accertarsi di non essere allergici ai principi attivi contenuti.

Biochetasi inoltre si basa su zuccheri come il fruttosio, il glucosio e il saccarosio, quindi può modificare la presenza di zuccheri nel sangue nei periodi di assunzione. Il farmaco è quindi controindicato nei soggetti diabetici.

Non sono stati segnalati degli effetti collaterali particolari con l’uso di questo farmaco, ovviamente, nel caso in cui si verificassero delle reazioni fisiche anomale, devono subito essere segnalate al proprio medico o al farmacista.

Un altro accorgimento importante è che non si può assumere il farmaco per un periodo di tempo che superi quello indicato o oltre la scadenza sulla confezione e non da considerare un auto medicamento.

Puoi leggere anche: