Come intervenire sulle punture di zanzara? ecco tutti i rimedi

L’estate ha moltissimi lati positivi: il sole, il caldo, gli indumenti comodi e leggeri ma soprattutto la possibilità di uscire o di godersi delle bellissime serate in terrazza o in balcone. Tuttavia, a rendere fastidiose le serate estive e le notti praticamente insonni ci sono le zanzare, un vero incubo per chi in estate è perseguitato dai loro pizzichi e dai loro ronzii fastidiosi

Questi insetti popolano soprattutto per le regioni vicine a specchi d’acqua e con un clima caldo afoso ma, nelle giornate più afose e umide, si trovano praticamente un po’ ovunque tranne che ad alta quota. Sono insetti solitari, che non si muovono in sciame per la “caccia al sangue” e spesso sono così piccole da essere difficilmente colte in flagrante. Alcune specie, inoltre, sono davvero molto aggressive e il loro veleno è così fastidioso da poter provocare sfoghi e irritazioni cutanee anche molto gravi e persistenti soprattutto nei soggetti che hanno la pelle particolarmente chiara o sensibile. Tra le specie più pericolose troviamo sicuramente la zanzara tigre, insetto che è in grado di iniettare una grandissima quantità di veleno e di far perdurare la piccola macchia rossa e pruriginosa anche per diversi giorni. Per proteggersi dalle zanzare ci sono moltissimi metodi: si passa dagli zampironi alle piastrine fino ad arrivare a prodotti da applicare sulla pelle o sugli indumenti.

Ma cosa si fa quando il danno è già stato fatto? Come interveniamo sulle punture quando siamo stati già pizzicati?

Se le zanzare non ci hanno già punti, ma non vogliamo ricorrere a rimedi comuni perché ci appaiono inefficaci o troppo aggressivi, possiamo suggerirvi dei rimedi naturali davvero efficaci, dalle classiche fragranze (lavanda, limone, Tea- Tree oil, citronella, menta piperita, geranei) alle piante aromatiche di erbe che tradizionalmente utilizziamo in cucina come la menta e il basilico. Anche aglio e caffè sembrano essere davvero efficaci, in particolare quest’ultimo un potentissimo strumento per allontanare le zanzare: basta lasciare asciugare i fondi di caffè su qualche foglio di alluminio e poi procedere a bruciarli come se fossero incenso. L’odore del caffè è repellente per tutte le 3.500 specie di zanzare tenendole lontane.

Se, invece, siete già stati punti dalle zanzare è necessario armarsi di molta pazienza e dei prodotti giusti affinché la puntura svanisca nel minor tempo possibile senza lasciare segni. Un primo step è quello di grattarsi il meno possibile o di non farlo affatto, questo per evitare che la pelle si rompa e che la piccola puntura diventi una escoriazione. Inoltre, suggeriamo di applicare un prodotto disinfettante se non avete resistito dal grattare la parte e magari che sia anche fresco così da disinfettare e lenire la zona della cute che è molto arrossata. Oltre alle classiche creme per le punture, che si trovano facilmente in farmacia ma anche al supermercato, esistono molti rimedi naturali per i pizzichi delle zanzare.

Vediamo insieme quali sono:

ABBIGLIAMENTO

Tra i rimedi più semplici c’è quello di scegliere il giusto abbigliamento: se avete in programma una passeggiata in campagna o in luoghi in cui vi sono molte zanzare, cercate di indossare sempre delle magliette leggere ma con le maniche lunghe evitando colori troppo accesi che potrebbero attirarle. Inoltre il tessuto fresco eviterà che possiate grattarvi ancora sulle zone già arrossate e irritarvi maggiormente.

GHIACCIO

Appena accertata la puntura, vi consigliamo di applicare un impacco con acqua fredda o ghiaccio in modo da alleviare il prurito: basta avvolgere il ghiaccio in un panno e lasciarlo in posa il tempo di trovare sollievo. Ovviamente, evitate di applicare il ghiaccio direttamente sulla pelle perché correte il rischio di provocarvi ustioni da freddo.

BUCCIA DI BANANA, MIELE, LIMONE, CIPOLLA E ALOE

Molto utile potrebbe essere strofinare sulla zona della puntura:

-la parte interna di una buccia di banana

-applicare una gocciolina di miele che andrete a coprire e a lasciare in posa per circa mezz’ora

-spremere il succo del limone sulla puntura riducendo così gonfiore e prurito

– mezza cipolla sulla puntura per diminuirne il gonfiore.

-applicare una foglia di aloe sulla puntura e lasciare in posa per circa mezz’ora allevierà il prurito.

BICARBONATO

Mescolare un cucchiaino di bicarbonato con il miele o l’aceto e tamponarlo sulla puntura vi aiuterà di certo ad alleviare il prurito e a ridurre il gonfiore

SALE

Immergere per qualche minuto la parte caratterizzata dalla presenza della puntura di zanzara in una soluzione di acqua salata, vi permetterà di trovare sollievo dal prurito.

PIANTE AROMATICHE

Nel caso abbiate bambini molto piccoli o dalla pelle particolarmente sensibile e reattiva, consigliamo di non esagerate con l’utilizzo dei repellenti in commercio in quanto potrebbero provocare delle allergie. Il nostro consiglio è quello di sostituirli con l’olio essenziale di citronella, basilico o geranio che si possono acquistare comodamente in erboristeria sottoforma di spray ma anche di stick solido.

OLIO DI NEEM

Oltre alle sue numerosissime proprietà, l’olio di neem è ottimo anche come repellente, è in grado di ridurre il prurito così come l’olio di Tea Tree.

Se, nonostante le dovute cure, notate che una puntura di zanzara è particolarmente fastidiosa, dolorante o siete allergici, non esitate a consultare repentinamente il medico.

Puoi leggere anche: