In aumento gli interventi di mastoplastica additiva 

La mastoplastica additiva o di aumento, è un intervento chirurgico volto ad aumentare le dimensioni del seno. Negli ultimi anni si è notato un incremento importante di questo tipo di intervento, tanto da essere annoverato tra quelli più richiesti in chirurgia estetica. Le donne talvolta decidono di sottoporsi a questo tipo di operazione per ritrovare quel benessere psicofisico che viene meno quando il passare del tempo, non sempre molto clemente, lascia dei segni piuttosto evidenti sul corpo. Alcune decidono di ridare una forma più armoniosa al seno, altre invece preferiscono un aumento che può essere più o meno consistente.

L’aumento del seno viene attuato attraverso un intervento chirurgico non particolarmente invasivo che richiede però le dovute accortezze, che sarà lo stesso specialista a mostrare alla paziente. Il chirurgo dovrà infatti, durante la visita preoperatoria, fornire tutte le informazioni necessarie prima di procedere all’operazione.

È quindi importante affidarsi a professionisti con comprovata esperienza in modo da evitare di incorrere in problematiche che possano intaccare pericolosamente la salute, come ad esempio il rigetto delle protesi mammarie che, in quanto corpi estranei, talvolta l’organismo tende a non accettare.

La mastoplastica di aumento, è un’operazione molto personale. Ogni corpo è diverso, e in quanto tale, il medico deve valutare diversi aspetti.

Per prima cosa il medico valuterà lo stato generale del seno. Forma e dimensioni del seno, in modo da valutare quale procedura sia possibile eseguire e con quale tecnica; solo dopo, si discuterà della scelta della protesi e la via di inserimento di queste.

Esistono diverse tipologie di protesi e diversi modi per impiantarla.

Le protesi sono formate da un involucro di silicone che, a sua volta, contiene del gel di silicone. Esse possono essere rotonde, a goccia o con un profilo anatomico e la loro superficie può essere liscia o rugosa. La forma da impiantare verrà scelta dal chirurgo dopo aver studiato il tipo di intervento da effettuare, a seconda anche delle richieste della paziente. Vengono inserite prevalentemente da sotto l’areola, dal solco sottomammario o dall’ascella.

Per l’intervento di mastoplastica additiva, nei casi più comuni, il chirurgo deciderà di eseguirlo in day hospital in anestesia generale oppure, talvolta, in sedazione profonda. L’operazione è preceduta da una visita di controllo in cui il medico, attraverso analisi e controlli mirati, dovrà avere un quadro ben preciso circa la salute della paziente ed appurare che non vi siano eventuali problemi che possano compromettere il risultato dell’operazione. La sua durata solitamente è di circa 1 ora.

Dopo l’intervento, verrà applicato un reggiseno particolare che verrà sostituito nelle visite di controllo successive. I primi giorni successivi all’operazione sono quelli più delicati in cui il medico prescrive assoluto riposo per evitare di incorrere in alcune conseguenze legate all’intervento; è possibile poi riprendere gradualmente, senza quindi troppi sforzi, le attività quotidiane fino a tornare a pieno regime a svolgere qualsiasi altro tipo di attività.

Il medico illustrerà le varie fasi del decorso post operatorio.

La mastoplastica additiva può avere un costo anche molto oneroso, ma è importante diffidare da chi propone prezzi notevolmente più bassi, in quanto questo può essere indice di scarsa qualità delle protesi, della struttura o, peggio ancora, della preparazione chirurgica del medico.

Puoi leggere anche: