Come migliorare la circolazione delle gambe

circolazione delle gambeI problemi di circolazione sanguigna sono molto comuni nella popolazione mondiale attualmente, specialmente nel mondo occidentale. La prima parte del corpo che risente di una cattiva circolazione del sangue sono proprio le gambe, portando a problemi complessi ed anche esteticamente spiacevoli come la cellulite o le vene varicosa. Si stima che circa 4 donne su 10 si lamentino dei problemi derivanti da una cattiva circolazione venosa, ma di certo anche gli uomini non sono estranei a questo tipo di disturbi. La cattiva circolazione alle gambe può essere la spia di problemi più gravi a livello cardiocircolatorio quindi non vanno assolutamente sottovalutati.

Qui abbiamo i consigli giusti per te, quelli da non perdere per risolvere il problema e migliorare la circolazione alle gambe una volta per tutte. Ma quali sono le cause di una circolazione sanguigna non efficiente? Cause della cattiva circolazione alle gambe possono essere diverse. Ad esempio il primo problema è di certo la vita sedentaria. D’estate poi ci si mette anche il caldo, che è un problema simile che può crearsi in inverno a causa di case dove il riscaldamento resta acceso per tutta la giornata. Poi ci sono altri fattori, come ad esempio il consumo eccesivo di sale, ma anche il colesterolo e vestiti troppo stretti hanno una influenza negativa.

vene varicose

Cosa fare per attivare la circolazione alle gambe?

Per prima cosa è necessario essere in grado di riconoscere i sintomi reali di una cattiva circolazione, altrimenti si rischia di mettersi a combattere un problema che non c’è. Ci sono per fortuna dei sintomi precisi che se individuati posso aiutare per prevenire il problema. Ecco un elenco dei possibili sintomi:

  • Comparsa di vene varicose
  • Intorpidimento di braccia e gambe
  • Dolore e crampi alle mani e ai piedi
  • Prurito nelle braccia e nelle gambe
  • Capogiri quando ci si alza
  • Edemi sulle gambe
  • Difficoltà di guarigione in caso di ulcere nelle mani e nei piedi
  • Unghie delle dita di mani e piedi fragili
  • Perdita di sensibilità nelle estremità
  • Emicrania e mal di testa
  • Dita e unghie di colore bluastro
  • Crampi ai glutei e alle gambe
  • Mancanza di forza nelle mani e nei piedi
  • Difficoltà nel camminare

Per evitare l’insorgenza stessa di questi sintomi e prevenire il problema è possibile bere tanta acqua, ma anche tisane a base di ginko bilboa che ha la capacità di dilatare i vasi sanguigni. Un aiuto può venire anche da massaggi alle gambe ed ai piedi, in questo modo si può stimolare l’afflusso sanguigno.

La cattiva circolazione si può risolvere anche con degli esercizi di stretching. In generale muoversi è la parola d’ordine quando si parla di problemi di circolazione, ma lo stretching ha dei vantaggi notevoli se eseguito almeno per 20 minuti al giorno, anche 15 possono andare bene.

La classica attività fisica è necessaria per mantenere in equilibrio il proprio organismo, la classica camminata, ma anche il nuoto o la cyclette qualsiasi cosa può andare bene per evitare di avere problemi e dolori alle gambe a causa della circolazione.

Risolvere il problema delle vene varicose

Parliamo ora più da vicino del problema delle vene varicose. Si tratta in sostanza di una dilatazione abnorme delle vene che accade specialmente negli arti inferiori. Si tratta di un disturbo fastidioso ma anche piuttosto gestibile, infatti difficilmente le vene varicose arrivano all’attenzione di un medico.

Tra le cause specifiche delle vene varicose possono rientrare la stitichezza, l’obesità, la deficienza della pompa muscolare, il lavoro in costante posizione eretta, inoltre abbiamo alterazioni delle vene presenti dalla nascita, ma anche l’età e il sesso possono contribuire alle vene varicose.

Rimedi per le vene varicose

L’ideale sarebbe sempre prevenire il problema, come è possibile farlo? Per prima cosa bisogna cercare di mantenere il proprio peso corporeo ideale e quindi tenere sotto controllo l’aumento dell’adipe.

Una delle soluzioni più efficaci come già indicato in precedenza è ricorrere all’esercizio fisico ed allo sport in maniera piuttosto regolare. Inoltre può aiutare molto rialzare un po’ il letto nella zona delle gambe per facilitare il reflusso del sangue.

Tra le cose da non fare è bene ricordarsi di non stare in posizione eretta per troppo tempo. Ciò favorirebbe l’ipertensione venosa, evitare anche gli abiti troppo aderenti, come pantaloni o intimo troppo stretti.

Puoi leggere anche: