leucorrea gravidica

Leucorrea gravidica: sintomi, cause, rischi e trattamenti

La leucorrea gravidica è un disturbo molto frequente in gravidanza. La comparsa di questo disturbo si manifesta con delle perdite vaginali, che possono spaventare la gestante. Sebbene, le secrezioni siano in genere biancastre, talvolta, le perdite da leucorrea gravidica possono essere trasparenti.La loro consistenza è liquida e possono manifestarsi con una frequenza più o meno intensa. Le perdite da leucorrea gravidica non generano cattivi odori, ma possono determinare lo stesso una condizione di forte disagio nella gestante.

Le perdite da leucorrea sono generate dalla cervice, la parte inferiore dell’utero. La leucorrea può manifestarsi in qualsiasi donna e in qualsiasi periodo della vita. L’espressione “leucorrea gravidica” sottolinea, invece, la comparsa di questa particolare condizione durante il periodo della gestazione. La leucorrea gravidica è, infatti, causata dai cambiamenti ormonali, che investono la donna durante tutto il periodo della gravidanza. Le perdite da leucorrea gravidica possono presentarsi in consistenza variabile, ma sono ben diverse da quelle causate dalle infezioni vaginali.

Leucorrea gravidica: come riconoscerla, come affrontarla e quali sono i rischi per la salute della donna

La leucorrea gravidica è una condizione molto comune, che si verifica in molte donne durante il periodo della gravidanza. Non c’è da preoccuparsi: le secrezioni da leucorrea gravidica rispondono al bisogno dell’organismo di adattarsi ai cambiamenti ormonali. In particolar modo, la leucorrea gravidica è dovuta all’aumento di estrogeni. Proprio in quanto fisiologiche, queste perdite non compromettono la salute né della madre, né del bambino, risultando del tutto innocue per il benessere di entrambi. In alcuni casi, però, la leucorrea gravidica può favorire l’insorgenza di infezioni vaginali, che al contrario di essa, richiedono una terapia mirata.

Riconoscere la presenza di leucorrea gravidica è in ogni caso necessario, al fine di scongiurare la presenza di infezioni vaginali e scambiare una condizione per un’altra. Queste ultime, infatti, se non trattate in tempo, possono causare diverse problematiche. Le perdite derivanti dalla leucorrea gravidica sono:

Bianche o semitrasparenti
Inodore
• Meno compatte rispetto a quelle causate da infezioni vaginali
• Più o meno consistenti, in base alle trasformazioni ormonali in atto
Asintomatiche, ossia prive di fastidi, quali prurito o irritazioni

La presenza delle secrezioni vaginali causate dalla leucorrea gravidica si rivela, quindi, necessaria, per garantire una perfetta lubrificazione e protezione della mucosa interna vaginale e quindi, per  preparare il corpo al momento del parto. Le perdite biancastre in gravidanza possono manifestarsi già durante le prime settimane di gestazione, tuttavia, questa condizione risulta più comune al termine.

Per trattare la leucorrea in modo davvero efficace è necessario evitare l’utilizzo di qualsiasi assorbente interno. E’ sconsigliato provvedere a una terapia fai da te, volta all’utilizzo di lavande vaginali. Per tenere sotto controllo l’insorgenza della leucorrea gravidica è opportuno chiedere un parere al proprio ginecologo. E’ necessario, inoltre, disporre di una buona igiene intima e di abbandonare qualsiasi indumento intimo sintetico. Tra i diversi rimedi naturali per il trattamento delle infezioni generate da leucorrea gravidica, ci sono il tea tree oil (da usare diluito), il bergamotto e la calendula, che assicurano un effetto lenitivo e antifiammatorio.

Puoi leggere anche: