Prodotti erboristici: il successo degli estratti a ultrasuoni

Sono sempre più ricercati i prodotti erboristici come rimedi naturali per problematiche diverse. Infatti, a differenza di alcuni composti chimici, essi risultano maggiormente tollerati anche da chi presenti allergie o intolleranze alimentari. Per questo sono nati svariati e-commerce specializzati: l’erboristeria fitosofia è una delle realtà più radicate nel settore che presenta un’importante peculiarità. Normalmente, infatti, l’estrazione dei principi attivi delle piante avviene con una base alcoolica o comunque liquida, in procedimenti che fanno perdere la maggior parte delle proprietà organolettiche per via del calore impiegato: non solo, quindi, il prodotto finale risulta molto diluito ma spesso non è adatto ai bambini o comunque a chi non tolleri l’alcool. Fitosofia, invece, procede con un’estrazione a freddo, quindi sfruttando il potere degli ultrasuoni per avere un prodotto più concentrato possibile e con una quantità di eccipienti prossima allo zero. Nessun prodotto, inoltre, viene testato sugli animali.

La ricerca delle piante selvatiche o provenienti da coltivazioni biologiche (quindi prive di OGM e altri prodotti nocivi) nasce dall’esperienza e dall’amore per la natura di personale esperto e dedito a ricercare solo le migliori, oltre che rigorosamente italiane. Questa è un’ulteriore garanzia che si affianca alla lavorazione attenta dei preparati, quindi il loro successo deriva semplicemente dalla qualità portata sempre ai massimi livelli possibili.

In quest’ottica è possibile acquistare, ad esempio, preparati detox dove gli ingredienti principali sono davvero quelli dedicati alla depurazione: il carciofo, il tarassaco, l’ananas e i chiodi di garofano faranno il loro dovere garantendo persino un sapore tipico al prodotto, dove sarà stato integrato al massimo un aroma agrumato (ovviamente naturale).

Tra gli estratti a ultrasuoni più cliccati, poi, ci sono quelli a base di vitamina C, alleata fondamentale del sistema immunitario. La lavorazione a freddo, in questo caso, garantisce la presenza di tutte le sostanze attive presenti nei frutti, oltre alla vitamina stessa: i flavonoidi in primis, prodotti secondari del metabolismo vegetale che agiscono come antiossidanti e antinfiammatori. Gli antociani, presenti in special modo nei vegetali dal colore bluastro, intervengono a loro volta contro gli effetti dell’invecchiamento e anche contro la ritenzione idrica, mentre i carotenoidi sono precursori della vitamina A, e sono protettori della pelle e del sistema immunitario.

Lo stress e l’insonnia sono altri due fattori moderni che inducono, sempre più spesso, le persone ad affidarsi ai metodi naturali. I migliori preparati contengono estratti a ultrasuoni di melissa, che agisce anche su cefalee e disturbi digestivi, passiflora, che limita i risvegli notturni, valeriana, sedativa e miorilassante, griffonia, che migliora gli stati d’ansia.

Altro estratto a freddo molto versatile è il Lapacho, un sempreverde che per le sue svariate proprietà viene anche denominato Albero della Vita. Rimane, quindi, fondamentale preservarne ogni singolo principio organolettico che lenisce da stati prolungati di intolleranza alimentare o allergia, disordini della flora intestinale, infezioni funginee e tutto ciò che risulta indebolito a causa di un sistema immunitario non al massimo della sua efficienza.

Per i problemi digestivi, il reflusso gastroesofageo e la spiacevole sensazione di gonfiore addominale, sono invece eccellenti i prodotti a base di fiori di camomilla, genziana, assenzio e zenzero. Lenitivi, antibatterici e antinfiammatori, questi organismi vegetali rappresentano il mix perfetto e assolutamente naturale da impiegare in questi casi.

L’estrazione a ultrasuoni rappresenta, quindi, la nuova frontiera dell’erboristeria moderna e riporta alle sane origini la metodologia di utilizzo delle migliori piante presenti in natura. Il rispetto dell’ecosistema, quindi, è reciproco perché l’utente può usufruire di un prodotto di vera qualità, mentre nulla viene sprecato grazie allo sfruttamento bilanciato di ogni parte edibile.

Puoi leggere anche: