Vacanza nei Parchi Naturali per relax e allenamento

Spesso, il concetto di vacanza e quello di allenamento non sembrano andare davvero d’accordo l’uno con l’altro. Tuttavia, c’è chi pensa che l’idea di andare in vacanza e sfruttare il tempo libero per rilassarsi e allo stesso tempo allenarsi allenarsi sia di certo una buona cosa. E’ per questo motivo che, sempre più persone, scelgono di passare le proprie vacanze alla scoperta di luoghi all’aria aperta e parchi naturali.

La vacanza che quasi tutte le persone cercano, reduci da un anno pieno di stress e cose da fare, è di certo quella rilassante e comoda, che permette di trovare piccoli spazi di paradiso immersi nel verde beandosi del dolce far nulla. Anche quando si passa una vacanza in città, si fa in modo quasi sempre di trovare un giusto equilibrio tra le cose da fare e il tempo libero, che permetta di visitare la città e le sue opere ma anche di rilassarsi rallentando il ritmo quotidiano.

Spesso, però, si parte con l’idea di rallentare il ritmo magari visitando qualche parco naturale o qualche giardino e non si pensa che, in realtà, questo sarà un vero e proprio allenamento per il nostro corpo che sarà costretto a spostarsi per godere a pieno dei paesaggi e dei luoghi da noi scelti. In particolar modo, per quanto riguarda i parchi naturali, il movimento è davvero fondamentale per la buona riuscita della nostra vacanza e spesso, senza rendercene conto, diamo al nostro corpo il miglior allenamento che possa fare, a discapito di ogni particolare tipo di palestra. L’Italia, in particolar modo, è immersa nel verde; soprattutto nelle regioni attraversate dalle Alpi e dagli Appennini e i parchi naturali non mancano affatto.

Basti pensare a città come Perugia, Firenze o anche solo Roma, per poter vedere quanto verde si ha a disposizione per rilassarsi e allenarsi senza fare grandissimi sforzi.

Alla scoperta dei Parchi Naturali

Nella maggior parte dei casi i Parchi Naturali nascono in prossimità di colline e specchi d’acqua che, con l’andare del tempo, sono stati resi sempre più accessibili all’uomo creando dei veri e propri sentieri per scoprirli ed esplorarli nel pieno rispetto della natura stessa. Quando si parte alla scoperta di un parco naturale, però, non bisogna commettere l’errore di pensare che si stia andando a fare una semplice scampagnata poco impegnativa perché non è così. Una visita in un parco naturale, spesso, significa intraprendere un percorso molto lungo. Esso però permetterà di vedere la zona naturalistica per intero e talvolta anche in condizioni non del tutto favorevoli.

Nono è raro, infatti, trovare parchi naturali che abbiamo non pochi sali e scendi e che siano veri e propri parchi di allenamento in cui si fa in parte trekking. Molto spesso è possibile percorrere differenti tipologie di sentiero e quindi magari evitare il sentiero più naturalistico immerso nel verde che prevede una preparazione da escursionista. Alcuni percorsi, però, sono obbligati e in quel caso sarà meglio ascoltare il proprio corpo, la propria attitudine e limitarsi a fare ciò che davvero si plasma alle nostre esigenze e alla nostra idea di relax.

Nel caso, ad esempio, si tratti di un parco fatto appositamente per la visione di un fenomeno naturale, il sentiero principale che sia impervio oppure no, passerà da lì. L’importante è munirsi di scarponcini adatti e di indumenti comodi e acqua per rifocillarsi durante il percorso. Per il resto, per tutti coloro che volessero immergersi nella natura sfruttando anche le sue doti benefiche di allenamento, non resta che iniziare il viaggio.

Puoi leggere anche: