Allenamenti multifrequenza: a cosa servono?

Gli allenamenti multifrequenza sono una tecnica decisamente valida e molto utilizzata dagli atleti che vogliano aumentare la massa muscolare in modo molto consistente e che contemporaneamente desiderino tonificare il corpo. Questa tipologia di allenamento è fatta per chi desideri allenare tutti i muscoli contemporaneamente in una sola e unica sessione ed è una tecnica molto particolare che non può essere eseguita dai principianti ma solo da atleti esperti nel settore.

Con gli allenamenti a multifrequenza è possibile sia aumentare la massa muscolare che semplicemente definire i muscoli di tutto il corpo senza alcuna difficoltà. Questa tipologia di tecnica va decisa insieme al proprio allenatore poiché è un allenamento intensivo che non tutti possono sopportare e soprattutto è necessario qualcuno che indichi le modalità e le tempistiche con cui eseguire l’allenamento.

Spesso gli allenamenti proposti non sono multifrequenza ma monofrequenza per far si che si alleni un solo muscolo alla volta per evitare che lo sforzo fatto sia eccessivo. L’allenamento multifrequenza, invece, viene fatto solo da coloro che sono fisicamente pronti e hanno l’ok del proprio personal trainer che ritiene che il loro fisico sia abbastanza allenato per sopportare un allenamento di questo tipo.

Nonostante questa decisione da parte di moltissime palestre di evitare l’esposizione ad allenamenti multifrequenza chi non è esperto e non ha mai praticato molto sport, la realtà sarebbe ben diversa. Questo avviene perché un allenamento meno intensivo ma distribuito su tutto il corpo potrebbe aiutare chi ha iniziato da poco ad allenarsi a distribuire meglio i pesi e a migliorare già da subito a livello muscolare in tutto il corpo.

Allenare tutti i muscoli contemporaneamente già dall’inizio aiuta il corpo ad iniziare un processo di rafforzamento costruttivo che coinvolga tutti i muscoli o non solo alcuni selettivamente.
Allenando selettivamente solo alcuni muscoli, come avviene nella monofrequenza, si rischia di rafforzare in modo selettivo solo alcune parti del corpo che risulterebbero poi eccessivamente sviluppate rispetto alle altre, andando di conseguenza a creare uno scompenso che potrebbe non giovare all’allenamento e al fisico.

Nell’allenamento multifrequenza, il lavoro che avviene sui muscoli e i relativi carichi sono ravvicinati e di conseguenza non si arriva al cedimento muscolare a cui si arriverebbe se ci si allenasse con il monofrequenza, perché allenando alternativamente tutti i muscoli nessuno sarebbe sottoposto ad uno sforzo eccessivo. Qualunque allenamento si decida di sostenere è comunque importante farsi consigliare da un allenatore esperto e magari valutare dopo le prime sedute quale sia l’allenamento migliore per noi.

Puoi leggere anche: