Dolore alle ovaie, cause e rimedi

Le donne in età fertile percepiscono spesso il dolore alle ovaie, nella maggior parte dei casi si tratta di un piccolo fastidio legato all’ovulazione, un sintomo transitorio dovuto al ciclo mestruale, che non deve destare preoccupazione.

Tuttavia, non sempre il dolore ovarico si manifesta solo in fase ovulatoria, per questo motivo è importante che la donna sia in grado di riconoscere i segnali che lancia il proprio corpo e interpretarli in modo giusto; per esempio, può succedere che il dolore si presenti dopo l’ovulazione e sia accompagnato da altri sintomi come mal di testa, mal di pancia o mal di reni, questa condizione potrebbe essere spia di altre problematiche.

Cerchiamo di capire quali possono essere le cause del dolore ovarico e capire quali sono i rimedi più efficaci per ridurre o far scomparire il fastidio.

Dolore ovarico dovuto all’ovulazione

In una condizione normale di salute e in età fertile, il dolore alle ovaie è legato all’ovulazione, ovvero, al rilascio dell’ovulo maturo pronto per la fecondazione, avviene intorno al quattordicesimo giorno dall’ultima mestruazione, quindi a metà del ciclo e tra i sintomi ci sono perdita di muco cervicale filamentoso e trasparente e piccole fitte alle ovaie.

Solitamente, le fitte interessano un’ovaia alla volta, quella che espelle l’ovulo in quel mese, il dolore è di tipo trafittivo e si può irradiare fino all’inguine e alla gamba, il dolore può essere intenso ma dura poco.

In questo caso, il dolore scompare dopo l’ovulazione ma può ripresentarsi durante la mestruazione con crampi al basso ventre, più accentuati nelle donne che hanno patologie importanti come l’endometriosi.

Dolore causato da cisti ovariche

Il dolore alle ovaie può anche essere il segnale della presenza di un problema più serio come la formazione di cisti ovariche, che si manifesta con dolore, anche se molte volte non ci sono sintomi e si scopre la condizione attraverso una ecografia pelvica.

Le cisti si possono formare all’interno o all’esterno dell’ovaia, si tratta di piccole sacche piene di liquido, queste solitamente vengono trattate con terapie specifiche e in rari casi, con la chirurgia per la rimozione.

Altre cause del dolore alle ovaie

Ci sono altre cause che possono provocare il dolore alle ovaie, tra queste la Malattia Infiammatoria Pelvica, che provoca altri sintomi come mal di pancia, mal di schiena o mal di reni generici e frequenti, si tratta di una patologia che può essere trasmessa sessualmente e che provoca un’infiammazione degli organi riproduttivi.

È importante verificarne l’eventuale presenza e intervenire subito con una cura mirata per evitare delle conseguenze più importanti.

Infine, il dolore può essere associato anche a tumori benigni e maligni alle ovaie, che restano asintomatici fino ad arrivare alla fase avanzata, per questo motivo è importante fare controlli ginecologici periodici

Rimedi per il dolore alle ovaie

Per eliminare il dolore alle ovaie è importante individuare correttamente il problema che c’è all’origine, se si tratta di un semplice fastidio legato all’ovulazione è utile un analgesico, una tisana calda e la borsa dell’acqua calda.

Se il dolore è causato dalla presenza di cisti, di infiammazioni, da altre patologie dell’apparato genitale femminile o da tumori, sarà il medico specialista a decidere la cura più adatta al caso specifico.

Puoi leggere anche: