Naso storto: i rimedi senza ricorrere alla chirurgia

Il naso storto è da sempre un problema che affligge molte persone, soprattutto in età adolescenziale, a cui spesso è davvero difficile trovare una soluzione concreta. Per ovviare a questo problema molto spesso le ragazze ricorrono ad un trucco piuttosto pesante in grado di coprire completamente il difetto ma che al primo colpo di spugna elimina l’illusione lasciando talvolta ancora più amarezza.

Per alcuni il difetto è davvero un fattore limitante per la propria vita e impedisce relazioni sociali soddisfacenti rischiando nei casi più gravi di portare a depressione e isolamento. Talvolta si ricorre all’intervento chirurgico di rinoplastica, come quelli proposti da beautystudium.it, ma anche molto invasivo e che prevede almeno un mese di convalescenza affinché il recupero sia totale. L’intervento, oltre ad avere i rischi di ogni intervento chirurgico, è anche molto costoso e di conseguenza non sono molti coloro che si sottopongono a questa operazione.

Una buona alternativa che aiuta davvero a migliorare e riallineare il setto nasale è il correttore nasale. Il correttore nasale è un tutore per il naso in grado di riallineare il setto dopo già un mese dalla sua prima applicazione, purché si indossi per almeno 12/15 ore nell’arco della giornata. La soluzione ottimale è di certo cercare di indossarlo durante la notte affinché si riesca a tenere il più possibile il setto nasale nella posizione corretta e di conseguenza i tempi di recupero e miglioramento siano molto brevi.

Inizialmente il tutore risulta essere piuttosto fastidioso da indossare perché comunque è un corpo estraneo che in qualche modo preme sul setto nasale per poterlo raddrizzare ed è anche probabile che inizialmente si senta un po’ di dolore o fastidio, sintomo anche del fatto che il tutore sta lavorando e sta facendo il suo dovere. Bisogna fare attenzione a non esagerare con le tempistiche con cui si indossa perché se il dolore è molto forte e magari si nota un rigonfiamento bisogna sospendere finché tutto non torna alla normalità altrimenti si rischia di avere l’effetto opposto e si peggiora la situazione.

Inizialmente, chi magari ha qualche difficoltà in più, è possibile indossare il tutore per meno ore al giorno in modo da abituarsi a portarlo ed evitare di sentire troppo dolore e magari aumentare il tempo a step successivi. Ognuno può decidere come e quando indossare il tutore a seconda di cosa pensa sia meglio per lui e può tranquillamente regolarsi con le tempistiche, l’importante è non avere fretta di vedere i risultati che sicuramente arriveranno.

Puoi leggere anche: