Perdite bianche prima del ciclo: perchè vengono e cosa fare?

Spesso il nostro corpo ci manda segnali inequivocabili che qualcosa non funziona. Se il disturbo, di qualunque natura esso sia, si protrae, allora è bene fare qualche controllo approfondito. In alcuni casi, però, i segnali sono semplicemente qualcosa di fisiologico di cui non è necessario preoccuparsi. Soprattutto le donne sono spesso soggette a ricevere segnali particolari dal proprio corpo, soprattutto quando si parla di ciclo mestruale. Durante il mese, il corpo della donna, è soggetto a variazioni consistenti a livello ormonale che possono talvolta destare qualche preoccupazioni.

I segnali del nostro corpo

E’ fondamentale che i segnali provenienti dal corpo vengano recepiti sempre e comunque ma bisogna essere cauti nell’ interpretarli. Solitamente, nelle donne, i segnali più forti arrivano proprio dal ciclo mestruale e dai giorni durante l’arco del mese dove non è raro osservare perdite. Le perdite possono essere più scure oppure bianche e, in particolar modo per quest’ultime, prima del ciclo.

Nel caso specifico in cui si parli di perdite bianche prima del ciclo mestruale sarà necessario fare una distinzione molto importante che può dirci se ci siano problemi oppure no.

Le perdite bianche

Le perdite bianche prima del ciclo hanno solitamente una consistenza tutto sommato abbastanza solida che dura qualche giorno e che poi tende a scomparire con l’arrivo della mestruazione. Queste perdite molto spesso sono dovute al periodo di ovulazione e corrispondono dunque al periodo di massima fertilità precedente al ciclo.

Esiste però un’altra tipologia di perdite bianche e meno consistenti. Questa tipologia di perdite ha una consistenza decisamente più acquosa e spesso si associa ad una mancanza di ciclo. In questi casi la perdita bianca può essere l’inizio di una qualche gravidanza che quindi ha provocato una variazione anomala degli ormoni e non prevede il ciclo.

Solitamente le perdite che si vedono non sono da associare a qualche patologia particolare e se dovessero perdurare nel tempo è probabile che si tratti semplicemente di candida. La candida è un fungo che si trova nel tratto intestinale e che tende a comparire nel momento in cui le difese immunitarie si abbassano. La candida è facilmente curabile ed è bene cercare di rimediare immediatamente con qualche crema specifica o qualche lavanda per evitare un peggioramento.

Se il fastidio o le perdite dovessero perdurare per molto tempo è necessario rivolgersi alla ginecologa che magari vi indicherà un trattamento più mirato. Nel caso di perdite bianche acquose in assenza di ciclo è invece il probabile inizio di una gravidanza.

Puoi leggere anche: