Mascherine per i denti: a cosa servono?

Uno dei maggiori problemi da risolvere già dalla tenera età è la correzione della dentatura che spesso, se non adeguatamente curata, rischia di sfociare in patologie più difficoltose da curare e di compromettere la buona salute dentale.

La soluzione più utilizzata per correggere la dentatura fin dalla tenera età è di certo l’apparecchio fisso, in grado di agire costantemente sui denti raddrizzandoli e creando lo spazio adatto per avere una dentatura perfetta e per evitare problemi futuri.

La soluzione dell’apparecchio fisso è di certo quella che ha l’azione migliore e probabilmente anche più veloce , se i problemi sono abbastanza rilevanti, ma ha anche qualche controindicazione. La controindicazione fondamentale riguarda la pulizia, poiché spesso non si riesce a lavare con efficacia le piccole placchette metalliche applicate su ogni dente rischiando di aumentare il rischio di qualche gengivite.

Un problema che pare secondario ma che non lo è affatto è di certo il fattore estetico che, soprattutto in età giovanile, è molto rilevante. L’adolescente rischia di sentirsi a disagio e magari tenderà ad emarginarsi se obbligato a tenere l’apparecchio ortodontico fisso per anni anche se, sicuramente, è corretto utilizzarlo in molti casi. Negli ultimi anni si è raggiunta una soluzione molto efficace e anche decisamente meno invasiva rispetto all’apparecchio fisso, l’utilizzo delle mascherine dentali.

Le mascherine dentali sono state inizialmente pensate più per adulti che per ragazzi, poiché talvolta può succedere anche in età adulta di avere problemi di riallineamento dentale magari a causa di qualche estrazione tardiva he va a creare uno spazio prima inesistente e che tende a spostare gli altri denti in posizioni non corrette. Tuttavia, dopo l’uscita delle prime mascherine dentali, si è deciso di crearne alcune apposta per gli adolescenti per evitare il più possibile di mettere l’apparecchio ortodontico fisso sia per le questioni già citate che per il prezzo, decisamente esoso.

Le mascherine dentali sono trasparenti, in materiale plastico, in particolar modo in policarbonato e vengono fatte su misura a seconda dell’arcata dentaria, proprio perché ognuno di noi ha una masticazione diversa e quindi il prodotto deve essere modellato ad hoc. Il materiale plastico non è rigido ma riesce a modellarsi perfettamente sulla dentatura senza provocare dolore e quindi è possibile portarla per il tempo necessario senza avere troppa difficoltà.

Affinché il trattamento sia efficace bisogna indossarla comunque per almeno i tre quarti della giornata, altrimenti non si avranno gli effetti desiderati. È probabile che se il riallineamento è importante sia necessario creare differenti mascherine a seconda dello step in cui ci si trova; ogni step dura in media una ventina di giorni.

Puoi leggere anche: