Piastre per capelli: ecco la nuova Dyson Corrale

Gli strumenti che danno la possibilità di prendersi cura del proprio aspetto a casa sono molto apprezzati dai consumatori, nello specifico sono particolarmente diffusi i dispositivi che permettono di ottenere uno styling della chioma in modo semplice e professionale, come dal parrucchiere. Uno degli ultimi ritrovati della tecnologia, che consente di ottenere in poco tempo capelli lisci o leggermente mossi, è la piastra Dyson Corrale.

Caratteristiche della piastra Dyson Corrale

La piastra Dayson denominata Corrale ha in sé una grande tecnologia che le ha fatto, subito dopo l’uscita, scalare velocemente la classifica dei migliori strumenti di questo ambito, permettendole di arrivare nei primi posti relativamente alle prestazioni fornite e alle preferenze dei consumatori. Le caratteristiche che la rendono particolarmente agognata sono:

  • La possibilità di utilizzarla senza fili, grazie alla batteria a ioni di lito a 4 celle che permette di dedicarsi al proprio styling ininterrottamente per 30 minuti. Il cavo di ricarica è magnetico quindi molto facile da usare.
  • L’istallazione di piastre flessibili realizzate in rame e manganese che avvolgono i capelli e consentendo di realizzare qualsiasi acconciatura.
  • La presenza di un sistema di controllo del calore che, grazie a un display e a degli indicatori sonori, evita che la chioma possa danneggiarsi.

Per avere maggiori informazioni su questo strumento per lo styling dei capelli si può leggere la recensione della piastra Dyson Corrale pubblicata sul portale piastrepercapelli.com in cui vengono delineate le peculiarità, le caratteristiche di utilizzo e i vantaggi che offre.

L’opinione di chi l’ha provata

L’impiego della piastra Dyson Corrale è semplice, chiunque, dopo un po’ di pratica, riesce a creare uno styling davvero soddisfacente, sia per allisciare capelli ricci o ribelli ma anche per generare onde morbide e naturali. Il vantaggio di usare questo prodotto è la possibilità di ottenere ottimi risultati ma con temperature più basse di qualsiasi altro strumento, in questo modo non si stressano né si rovinano i capelli. Ciò è possibile grazie alle lamine di rame e manganese che abbracciano la ciocca distribuendo meglio il calore. La tecnologia che c’è dietro alla piastra, inoltre, consente di mantenere la temperatura selezionata sempre costante.

Circa l’80% di chi l’ha provata ha dichiarato che con l’utilizzo di questa piastra la chioma risulta più morbida e lucida e la maggior parte dei consumatori riesce a far durare la piega fino allo shampoo successivo, solo qualcuno ha dovuto fare dei lievi ritocchi. Viene sottolineata anche la praticità dello strumento, non solo relativamente al corpo arrotondato, facile da impugnare e non estremamente pesante, ma soprattutto per la possibilità di impiegarlo senza filo, così da non dover allisciarsi i capelli necessariamente vicino una presa a muro e non rischiare di ingarbugliarsi con il cavo. La durata della batteria potrebbe essere un limite della piastra ma, considerando che dà la possibilità di creare styling complessi in una manciata di minuti, ciò è un aspetto trascurabile.

Consigli per lo styling dei capelli con Dyson Corrale

Per ottenere un risultato ottimo occorre asciugare bene i capelli prima di utilizzare Dyson Corrale, meglio non impiegarla, come gli altri accessori di questo tipo, sulla chioma bagnata. Si possono applicare, secondo abitudine e tipo di capelli, dei prodotti per facilitare la piega o dei termo-protettori che prevengono eventuali danni creati dal calore, tale precauzione deve essere presa essenzialmente da chi ha già notevoli sfaldamenti sulle lunghezze dovuti a trattamenti sbagliati.

In secondo luogo bisogna procedere con lo styling dividendo la chioma per ciocche non tropo grosse, così da poter essere lavorate alla perfezione. Infine si può usare una lacca o altri prodotti fissanti per mantenere la piega più a lungo. Questo passaggio è facoltativo in quanto Dayson Corrale consente di ottenere risultati ottimi e duraturi anche senza tale accorgimento.

Puoi leggere anche: