Crosticine nel naso nei bambini: cosa fare?

Molto spesso, soprattutto nella stagione più calda o più fredda, i bambini soffrono più di altri di alcuni sintomi comuni anche negli adulti. Lo sbalzo climatico e il freddo o il caldo eccessivi possono portare ad un eccessiva secchezza delle mucose e ad una conseguente screpolatura e sanguinamento. Un clima eccessivamente umido non è adatto ma anche un clima troppo arido rischia di disidratare quelle parti più sensibili senza che ce ne accorgiamo. Nei bambini questo fenomeno è ancora più evidente, dal momento che sono ancora molto deboli e delicati. Uno dei disturbi non preoccupanti ma di certo più fastidiosi sono di certo le crosticine nel naso.

Quando compaiono le crosticine?

Molto spesso esse compaiono in breve tempo e non si riesce a correre ai ripari prima che il bambino senta dolore. Questo perchè, le mucose del naso, sono tra le più esposte e avendo il compito di filtrare l’aria, tendono a seccarsi maggiormente e ad essere più deboli. Spesso i sintomi e le croste compaiono anche solo nel giro di una giornata ed è molto difficile prevenirle ed evitare il dolore al bimbo.

Appena ci si accorge che qualcosa non va e che il bimbo si lamenta per qualche dolore è bene controllare immediatamente per evitare che la situazione peggiori. Le crosticine nel naso non sono una sintomatologia affatto grave, ma è sempre consigliabile prendersene cura fin da subito per il bene del bambino e per alleviare il suo dolore.

Come curarle

Dal momento che il problema è di secchezza esistono lavande apposta che sono in grado di mantenere il naso del bimbo sempre un pò umido evitando di farlo screpolare internamente. In abbinamento a questi lavaggi ci sono creme amollienti in grado di non dar fastidio al bambino.

Quando applicate esse consentono alla mucosa di rimanere sempre umida e protetta. Inoltre, è anche possibile servirsi di un umidificatore che sia in grado di migliorare le condizioni della stanza creando il vapore che, magari, in un periodo secco manca. All’interno dell’umidificatore è anche possibile mettere qualche goccia di olio essenziale che aiuta l’inalazione e magari migliora l’essenza del vapore stesso.

Soprattutto durante la notte e prima di andare a dormire è bene utilizzarlo per poter permettere alla mucosa di ristabilirsi completamente ed essere protetta durante il giorno. Le creme si possono poi applicare più volte e ogni volta che si provi secchezza delle mucose. In questo modo il nostro bambino sarà sempre sano e protetto dagli eventi atmosferici avversi.

Puoi leggere anche: