cartone

Quali sono i nomi dei sette nani?

La fiaba di Biancaneve è la prima targata Disney e anche una delle più amate di tutti i tempi. Il fascino di Biancaneve risiede nella spontaneità e nei buoni sentimenti mostrati dalla giovane e dai suoi piccoli amici che la aiutano nelle avversità. Biancaneve, infatti, è una giovane principessa sfuggita alla matrigna-strega Grimilde che, invidiosa della sua bellezza, aveva ordinato di ucciderla.

Il guardiacaccia, però, trovandosi di fronte alla giovane, non ebbe cuore di ucciderla e la lasciò scappare. Biancaneve, perdendosi nel bosco, arrivò ad una casetta in cui trovò rifugio.

L’incontro con i sette nani

Biancaneve pensò di aver trovato una casa abitata da 7 bambini ma, in realtà, scoprì poi che si trattava di sette nani. I sette nani di Biancaneve sono alcuni dei personaggi più caratteristici e divertenti di tutto l’universo Disney poichè ognuno di loro rappresenta una particolarità espressa nel nome. Ogni nanetto, infatti, ha un nome proprio che lo caratterizza e che si riferisce in modo inequivocabile alla sua personalità. Biancaneve, infatti, capirà ben presto la particolarità di ognuno di loro che inizialmente poteva solamente leggere sul nome ai piedi di ognuno dei 7 lettini trovati nella casa.

I nome dei nani

Quando si cerca di nominarli, molto spesso, sembra sempre che uno manchi all’appello, ma andando con ordine si ricorderanno tutti facilmente.

  • Il capo dei nanetti e più saggio di tutti ha il nome di Dotto.
  • Il nanetto sempre allegro è giustappunto Gongolo, mentre il più assonnato è Pisolo.
  • C’è poi il nano Eolo, il nano timido che diventa sempre rosso Mammolo e il più piccolino di tutti che è appunto Cucciolo.
  • Ma di certo il nano più amato di tutti è proprio quello più arrabbiato e scontroso, Brontolo. Già il nome Brontolo la dice lunga sul caratteraccio del nanetto che più di tutti mostra ostilità nei confronti di Biancaneve. Rispetto agli altri Brontolo si ritaglia uno spazio tutto per se battibeccando con Biancaneve e gli altri nani. Se inizialmente Brontolo è l’emblema assoluto del suo nome, andando avanti nella storia però, si capirà quanto in realtà sia quello che forse più ama Biancaneve.  Quando Biancaneve sembra morta a causa della mela avvelenata della perfida strega Grimilde, sarà proprio Brontolo quello che più di tutti piangerà vedendola esanime.

Ogni nanetto ha caratteristiche particolari e sarà davvero facile affezionarsi ad ognuno di loro. Utilizzare un nome rappresentativo che introduca da subito il nanetto è stato di certo un modo per farcelo conoscere e mare fin da subito, che ha funzionato.

Chi è il capo dei sette nani?

Il capo dei sette nani si chiama Dotto che è il più anziano e il più saggio di tutti.

Puoi leggere anche: