Shatush: perché sceglierlo?

Quando si decide di cambiare pettinatura o colore ai capelli la decisione è sempre difficile. Se il cambiamento è drastico, solitamente, si da un taglio netto al capello o si cambia radicalmente colore. Per le donne cambiare drasticamente taglio o colore è sintomo di un forte cambiamento giá avvenuto o alle porte.

Se, invece, non si vuole dare un “taglio” netto al passato ma solamente cambiare look la questione è differente. Molto spesso si vuole cambiare ma restando comunque simili a prima per non variare completamente e quindi si sceglie una sorta di via di mezzo.

Spesso, questa via di mezzo, è rappresentata da una particolare tipologia di colorazione chiamata shatush.

Cos’è lo shatush?

Lo shatush è una sorta di via di mezzo che colora il capello sfumandolo da cima a fondo. La base del capello rimane scura, spesso per mantenere il proprio colore e non intaccare la cute, mentre man mano che si procede verso le punte la colorazione “sbiadisce” fino a sfociare spesso nel biondo.

Lo shatush è molto diverso rispetto ai colpi di sole che molto andavano di moda circa una decina di anni fa.

Lo shatush non va a colorare il capello alla base nella maggior parte delle volte e da quell’effetto sfumato meno artificiale rispetto alla meche.

Talvolta non è nemmeno necessario decolorare le punte in fondo perché il capello già di per se tende ad essere piú chiaro man mano che ci si sposta verso il fondo.

Nel caso in cui la base sia una colorazione artificiale perché il capello è bianco non sarà necessario rifare tutta la colorazione ma colorare solo la base.

Questo aspetto è decisamente positivo perché il capello, in questo modo, non viene continuamente sottoposto a tinte invasive che, con l’andare del tempo potrebbero danneggiare il capello.

Lo shatush, spesso dalle più giovani, viene anche fatto con una colorazione stravagante proprio per poter dare quel tocco diverso al look che, comunque, non va a coprire interamente il capello.

Lo shatush viene fatto con tutti i colori a disposizione, dal rosso al blu, dal viola al rosa e semplicemente colorando le punte dei capelli senza necessariamente rischiare di rovinarli completamente.

Questo è un buon compromesso e anche magari una soluzione per chi vorrebbe cambiare look e, in seguito, decide di dare un taglio netto eliminando senza fatica solo la parte colorata senza effettuare altri trattamenti.

Puoi leggere anche: